20 consigli per sviluppare relazioni positive con i genitori

 20 consigli per sviluppare relazioni positive con i genitori

Leslie Miller
chiudere la modale

In onore del 20° anniversario di Edutopia, stiamo producendo una serie di liste Top 20, dal pratico al sublime.

Venti suggerimenti per sviluppare relazioni positive con i genitori

Nelle nostre giornate impegnate a destreggiarci tra i compiti, la pianificazione delle lezioni e la gestione di un centinaio di studenti, possiamo facilmente dimenticare il gruppo che potrebbe dare un sostegno significativo al nostro incarico di insegnanti: i genitori e le famiglie. Considerate questi suggerimenti per migliorare i legami con questo gruppo prezioso:

Guarda anche: 6 modi intelligenti per portare il potere della musica in classe

1. Sorridere quando si vedono i genitori

Salutateli. La maggior parte dei genitori interagisce con gli insegnanti solo occasionalmente, quindi assicuratevi che almeno il 90% dei vostri incontri con loro sia positivo, caloroso e amichevole. Le impressioni lasciate dai fugaci incontri in corridoio durano a lungo.

2. Imparare i loro nomi

(Se avete una classe autonoma). Imparate come vi rivolgete a loro (Signor ____? Signora? Con il loro nome di battesimo?) e come pronunciarli correttamente.

3. Dichiarare la propria intenzione

Dite loro che volete collaborare con loro, che apprezzate il loro sostegno e che non vedete l'ora di lavorare insieme.

4. Comunicare spesso e in varie forme.

Fornite informazioni su ciò che accade nella vostra classe (l'ideale sarebbe una volta alla settimana): cosa gli studenti stanno imparando, cosa hanno realizzato, cosa vi entusiasma, cosa li entusiasma, e l'apprendimento e la crescita che state vedendo. Suggerite cose che potrebbero chiedere ai loro figli: "Chiedete loro di raccontarvi cosa hanno imparato la settimana scorsa sui vermi da pasto", o "Chiedete loro di leggervi l'haiku".hanno scritto".

5. Telefonare a casa in modo positivo

Se avete una classe autonoma, chiamate tutte le case entro le prime due settimane e poi a intervalli regolari durante l'anno. Se insegnate a molti studenti, individuate quelli che forse hanno bisogno di una telefonata positiva a casa.

6. Guidare con la Buona Novella

Quando chiamate i genitori o vi incontrate con loro per discutere di una preoccupazione, elogiateli per primi. Ogni bambino ha qualcosa di positivo. Trovatelo, condividetelo e poi condividete la vostra preoccupazione. Attenetevi rigorosamente a questa regola.

7. Trovare un traduttore

Se non riuscite a parlare la loro lingua, cercate un traduttore per almeno una conferenza e/o una telefonata con i genitori (per le lingue meno conosciute, a volte è possibile trovare un centro per rifugiati o un'altra agenzia pubblica in grado di aiutarvi). Raggiungete anche questi genitori; fate tutto il possibile per entrare in contatto con loro.

Guarda anche: Con l'aumento dello stress degli adolescenti, gli insegnanti cercano delle risposte

8. Il vostro linguaggio è potente

Si comunica la consapevolezza che esistono diversi tipi di famiglie. Fare attenzione a non dare per scontato che una madre sia o non sia sposata o che, se è sposata, sia sposata con un uomo. Imparare a fare domande aperte e capire che a volte i genitori/tutori potrebbero non voler condividere alcune informazioni.

9. Fare domande sul bambino

"Che tipo di cose gli piace fare al di fuori della scuola? Chi sono le persone speciali della sua vita, la famiglia o gli amici di famiglia? Quali sono, secondo te, le sue caratteristiche migliori? Com'era da piccolo?" Dimostrate interesse per la conoscenza dello studente.

10. Ascoltare i genitori

Ascoltano davvero e sanno molte cose sui loro figli.

11. Sorridere al bambino Quando parlate con un genitore davanti a un bambino, sorridete e stabilite un contatto visivo con lo studente per dimostrare che vi preoccupate per lui/lei. Riconoscete davanti ai genitori ciò che ha fatto di buono nella vostra classe, poi condividete una preoccupazione, se ne avete una.

12. Invitare i genitori a condividere

Distribuite un sondaggio all'inizio dell'anno (se i genitori non leggono/scrivono in inglese, gli studenti possono intervistarli e riferire le loro risposte). Scoprite cosa conoscono i genitori e quali competenze possiedono. Invitateli a partecipare, soprattutto se si tratta di un collegamento con il programma di studi e i contenuti. Lasciate che condividano con voi le loro tradizioni culturali, i loro interessi, le loro passioni, le loro competenze e conoscenze.

13. Far sapere ai genitori come possono aiutare

Molti vogliono aiutare, ma soprattutto quando i bambini diventano più grandi, ai genitori non viene chiesto aiuto così spesso e non sanno cosa fare. C'è sempre un modo in cui possono aiutare in classe.

14. Siate molto specifici

Fornire ai genitori i modi per sostenere i loro figli a casa: "Potete aiutare vostro figlio a fare i compiti di matematica chiedendogli di spiegare come ha ottenuto una risposta", oppure "Quando leggete le storie la sera, chiedete a vostro figlio di fare delle previsioni. Questo rafforza la comprensione della lettura".

15. Essere un intermediario di risorse

Se condividono una preoccupazione, siate pronti a indirizzarli verso una direzione in cui possano trovare aiuto. Se condividete una preoccupazione ("Vostra figlia è distratta e non presta attenzione"), siate pronti a suggerire cosa possono fare i genitori.

16. Spiegare le proprie decisioni didattiche

Prendetevi il tempo necessario per farlo e aiutateli a conoscere il sistema educativo se non lo conoscono. Aiutateli a capire cosa state facendo e perché.

17. Invitare i genitori a partecipare alla presa di decisioni.

Invitate il loro contributo, fornite loro informazioni che li aiutino a formarsi un'opinione e ascoltate le loro conclusioni.

18. Ringraziare i genitori

Sia individualmente che pubblicamente per il loro sostegno, magari nella vostra newsletter settimanale. Riconoscete ciò che fanno per aiutare la vostra classe e l'impatto che ha sugli studenti.

19. Condividere ogni successo

Fate sapere ai genitori che cosa il bambino sta facendo bene, quali abilità accademiche, sociali o conoscenze ha acquisito.

20. Invitare i genitori a festeggiare e a spezzare il pane insieme

Le comunità si rafforzano quando le persone si riuniscono per festeggiare. Iniziate l'anno con una cena, condividete il cibo e le storie sul cibo. Tutti noi ci leghiamo al cibo.

Leslie Miller

Leslie Miller è un'educatrice esperta con oltre 15 anni di esperienza di insegnamento professionale nel campo dell'istruzione. Laureata in Pedagogia, ha insegnato nelle scuole elementari e medie. Leslie è una sostenitrice dell'utilizzo di pratiche basate sull'evidenza nell'istruzione e ama ricercare e implementare nuovi metodi di insegnamento. Crede che ogni bambino meriti un'istruzione di qualità ed è appassionata di trovare modi efficaci per aiutare gli studenti ad avere successo. Nel tempo libero, Leslie ama fare escursioni, leggere e trascorrere del tempo con la famiglia e gli animali domestici.