Dos e don't delle decorazioni per la classe

 Dos e don't delle decorazioni per la classe

Leslie Miller

Secondo un nuovo studio, le aule scolastiche fortemente decorate possono bombardare gli studenti con troppe informazioni visive, interferendo con la loro memoria e la loro capacità di concentrazione.

Questo è solo l'ultimo studio che esamina la relazione tra l'ambiente della classe e le funzioni esecutive degli studenti, che comprendono abilità come la memoria, l'attenzione e l'autoregolazione. Anche se gli insegnanti hanno buone intenzioni quando arredano, molte classi finiscono per essere "ricche di sensori" in un modo che "potrebbe ostacolare i guadagni di apprendimento dei bambini piuttosto che aiutarli", secondo gli psicologi di Pedro Pedro.Rodrigues e Josefa Pandeirada, coautori dello studio.

Per capire come le decorazioni influenzino l'apprendimento, Rodrigues e Pandeirada hanno reclutato 64 bambini di età compresa tra gli 8 e i 12 anni per svolgere compiti di attenzione e memoria in due gruppi. Per il gruppo ad alta decorazione, le pareti della stanza erano ricoperte da numerose immagini di oggetti e scene ordinarie, come automobili, strumenti musicali e alberi. Le pareti della stanza del gruppo di controllo, invece, eranonudo.

close modal © Kendra Caralis Modelli e citazioni inclusivi possono aumentare il senso di appartenenza degli studenti. © Kendra Caralis Modelli e citazioni inclusivi possono aumentare il senso di appartenenza degli studenti.

In un test di attenzione, ad esempio, i bambini hanno osservato lo schermo di un computer portatile, premendo un pulsante se appariva una X e non facendo nulla se appariva una K. In un test di memoria che ricordava il gioco elettronico Simon Says, i bambini hanno osservato nove riquadri blu che cambiavano in giallo in sequenze variabili, che i bambini tentavano diIn totale sono stati somministrati quattro test, due per la memoria e due per l'attenzione.

Guarda anche: Lettura e scrittura in classe di matematica

Rispetto ai bambini nella stanza a pareti nude, i bambini nella stanza ad alta decorazione hanno ottenuto risultati peggiori in tutti i test, il che suggerisce che un eccesso di stimoli visivi può essere fonte di distrazione.

"Nel complesso, i risultati di questi studi indicano che i bambini potrebbero avere difficoltà a ignorare i distrattori visivi quando questi sono inseriti nell'ambiente circostante", spiegano gli autori dello studio.

Le aule devono essere coinvolgenti, non distraenti

Questo non significa che tutte le pareti debbano essere spoglie. Nel 2015, un gruppo di ricercatori del Regno Unito ha analizzato 153 aule e ha scoperto che gli studenti traevano i maggiori benefici quando le pareti erano decorate. "Le esposizioni alle pareti dovrebbero essere progettate in modo da dare un senso di vivacità all'aula, senza però diventare caotiche. Come regola generale, dal 20 al 50% dello spazio disponibile sulle pareti dovrebbe essere mantenutochiaro", hanno scritto i ricercatori.

Cosa dicono i ricercatori che gli insegnanti dovrebbero fare?

  • Mostrare il lavoro degli studenti. Gli studenti non solo sentono un maggiore senso di responsabilità per il loro apprendimento, ma hanno anche maggiori probabilità di ricordare il materiale (Barrett et al., 2015).
  • Presentare modelli di ruolo ispiratori. Mettere in mostra immagini - e brevi storie o citazioni - di eroi e leader può aiutare gli studenti ad acquisire un maggiore senso di appartenenza e di aspirazione, soprattutto quando sono rappresentati i loro background e i loro interessi. Sforzatevi di includere, ma evitate rappresentazioni simboliche o stereotipate: possono danneggiare l'autostima degli studenti (Cheryan et al., 2014).
  • Evitare il disordine. Mantenete libero almeno il 20% dello spazio sulle pareti e lasciate un ampio spazio tra gli espositori in modo che non appaiano disorganizzati. Resistete alla tentazione di aggiungere continuamente decorazioni: è meglio cambiarle che aggiungerne altre (Barrett et al., 2015).
  • Gli ausili visivi, come tabelle di ancoraggio, mappe e diagrammi, vanno bene. I poster che rafforzano la lezione, anziché distrarla, possono aumentare l'apprendimento degli studenti, ma non dimenticate di togliere quelli che non sono più utili (Carney & Levin, 2002; Bui & McDaniel, 2015).
  • Evitate di mostrare i punteggi o i voti degli studenti. Molti insegnanti utilizzano i muri di dati per motivare gli studenti e, se da un lato possono funzionare per gli studenti che ottengono risultati elevati, dall'altro possono ritorcersi contro gli studenti in difficoltà, provocando sentimenti di vergogna e demoralizzazione (Marsh et al., 2014).
  • Lasciare entrare la luce naturale. Non coprite le finestre con decorazioni, a meno che non abbiate problemi di abbagliamento o di distrazioni esterne. Gli studenti che sono esposti a una maggiore quantità di luce naturale nelle loro aule superano i coetanei che ricevono meno luce naturale in matematica e lettura (Cheryan et al., 2014). Se non avete finestre, assicurarsi che la stanza sia ben illuminata può aumentare i risultati (Barrett et al., 2015).
  • Bilanciare i colori delle pareti. Non è necessario limitarsi a quattro pareti bianche: provate a dipingere un'unica parete caratteristica con un colore vivace, mentre le altre sono tenui (Barrett et al., 2015).

Cervello in via di sviluppo

Sebbene decorare le pareti sia uno dei passatempi preferiti di molti insegnanti, i bambini piccoli potrebbero non rispondere come gli insegnanti sperano.

close modal Per gentile concessione di Amy Mileham Le aule devono avere un aspetto vivace ma non caotico, con il 20-50% delle pareti libere. Per gentile concessione di Amy Mileham Le aule devono avere un aspetto vivace ma non caotico, con il 20-50% delle pareti libere.

"I nostri risultati potrebbero essere legati al fatto che le capacità cognitive dei bambini sono ancora in fase di sviluppo, comprese le funzioni esecutive responsabili del filtraggio delle informazioni irrilevanti per un determinato compito", spiegano gli autori dello studio. Un insegnante potrebbe avere poche difficoltà a ignorare una parete piena di decorazioni, ma i giovani studenti potrebbero trovarsi nell'impossibilità di distogliere lo sguardo e concentrarsi su una lezione.

Secondo il Center on the Developing Child di Harvard, i bambini non nascono con funzioni esecutive completamente sviluppate, ma devono svilupparle nel tempo. I bambini che hanno vissuto esperienze negative, come negligenza, abuso o violenza, o che hanno difficoltà di apprendimento, sono più a rischio di compromettere le capacità di attenzione e di autoregolazione. Quindi le distrazioni in classe possono danneggiare gli studenti che hanno bisogno di più attenzione.più aiuto.

Guarda anche: 7 suggerimenti di riflessione per la valutazione, la responsabilizzazione e l'autoconsapevolezza

Il terzo insegnante

close modal © Nichole Murray La visualizzazione del proprio lavoro può aiutare gli studenti a sentirsi maggiormente responsabili del proprio apprendimento e a ricordare meglio i contenuti del corso. © Nichole Murray La visualizzazione del proprio lavoro può aiutare gli studenti a sentirsi maggiormente responsabili del proprio apprendimento e a ricordare meglio i contenuti del corso.

Questo studio è l'ultimo di un campo emergente che guarda alle classi come al terzo insegnante - dopo i genitori e l'insegnante - e che considera l'ambiente come essenziale per sostenere l'apprendimento. L'idea non è nuova: approcci come Reggio Emilia e Montessori l'hanno posta in primo piano nella pedagogia, dando alle classi un ruolo di primo piano nel plasmare il modo in cui gli studenti apprendono. Studi recenti hanno mostrato prove a favore diil ruolo che le aule svolgono nell'apprendimento: uno studio del 2014, ad esempio, ha rilevato che i giovani studenti trascorrevano più tempo fuori dall'attività quando le pareti delle aule erano molto decorate, mentre le ricerche sulle aule flessibili dimostrano che l'ottimizzazione delle caratteristiche fisiche delle aule, come la luce, il colore e le opzioni di seduta, può migliorare il rendimento scolastico fino al 16%.

Il risultato: Le pareti dell'aula devono essere calde e vivaci, ma non sovraffollate: mantenete il 20-50% dello spazio libero sulle pareti e riempite il resto con lavori degli studenti, immagini stimolanti e sussidi didattici.

Leslie Miller

Leslie Miller è un'educatrice esperta con oltre 15 anni di esperienza di insegnamento professionale nel campo dell'istruzione. Laureata in Pedagogia, ha insegnato nelle scuole elementari e medie. Leslie è una sostenitrice dell'utilizzo di pratiche basate sull'evidenza nell'istruzione e ama ricercare e implementare nuovi metodi di insegnamento. Crede che ogni bambino meriti un'istruzione di qualità ed è appassionata di trovare modi efficaci per aiutare gli studenti ad avere successo. Nel tempo libero, Leslie ama fare escursioni, leggere e trascorrere del tempo con la famiglia e gli animali domestici.