Insegnanti che aiutano gli insegnanti: il percorso di miglioramento della scuola

 Insegnanti che aiutano gli insegnanti: il percorso di miglioramento della scuola

Leslie Miller

Gloria Contreras (in piedi) aiuta gli insegnanti a sviluppare standard di valutazione e rubriche per i progetti tecnologici con i loro studenti.

Credito: UTEP

Ogni lunedì mattina alle 8, Gloria Contreras si unisce al suo team di insegnanti di terza elementare della H.D. Hilley Elementary School per discutere le strategie di integrazione della tecnologia nelle attività di classe. Sia gli insegnanti esperti che quelli alle prime armi portano le loro domande all'incontro:

Come posso trovare il tempo per utilizzare HyperStudio con le mie attività scientifiche?

Come si valutano le lezioni basate sulla tecnologia?

Guarda anche: 6 modi improduttivi per imparare i fondamenti della matematica - e cosa fare al loro posto

Come posso aumentare la memoria del mio computer per eseguire il mio software?

In qualità di insegnante mentore di tecnologia, Gloria ascolta queste domande e condivide le sue idee con i colleghi. Sia Gloria che i suoi allievi traggono beneficio dall'esperienza: gli insegnanti imparano come la tecnologia può trasformare l'insegnamento tradizionale e Gloria approfondisce la sua pratica riflettendo sul proprio insegnamento con la tecnologia.

Gloria fa parte di un innovativo programma di tutoraggio nato da una collaborazione tra l'Università del Texas di El Paso (UTEP) e le scuole pubbliche della zona. Due sovvenzioni del Dipartimento dell'Educazione per l'innovazione tecnologica hanno permesso a 350 insegnanti di iscriversi a un programma di master dell'UTEP che integra la tecnologia educativa e l'insegnamento. Il fulcro del programma è una classe di tutoraggio progettataper migliorare le competenze tecnologiche e di leadership degli insegnanti mentre fanno da tutor ad altri insegnanti.

Utilizzando il tutoraggio per trasformare l'insegnamento in classe, questa sovvenzione è stata una delle forze principali che hanno guidato il programma di riforma della tecnologia scolastica a El Paso. Poiché i diplomati come Gloria fanno da tutor ad almeno altri tre insegnanti nelle loro scuole, si stima che 1.000 insegnanti beneficeranno del programma entro la fine del periodo di sovvenzione nel 2003.

Gli studenti trasformano le loro storie tradizionali a matita e carta aggiungendo opere d'arte, grafica ed elementi sonori originali.

Credito: Marcos Martinez

Dalla teoria alla pratica

Perché un corso separato sul mentoring? Perché la teoria insegnata in molte università non si traduce necessariamente nella pratica in classe. Durante il corso, Gloria ha messo in pratica le sue abilità di mentoring con una coorte di cinque insegnanti. "Abbiamo sviluppato le abilità per una comunicazione interpersonale efficace, come essere un buon ascoltatore e fornire un sostegno e una guida significativi ai nostri colleghi. Non solo abbiamo fattoimpariamo la teoria, ma abbiamo imparato a sostenerci a vicenda", dice.

Ad esempio, utilizzando le competenze acquisite durante il corso, la coorte ha sviluppato un'unità integrata sull'inquinamento atmosferico, un tema molto sentito a El Paso, un'area metropolitana di 700.000 abitanti situata sul Rio Grande. Gloria e i suoi colleghi hanno discusso il ruolo della tecnologia, hanno condotto ricerche, hanno scritto le lezioni in modo collaborativo e hanno scelto grafici e software adatti all'argomento.

Riflettendo continuamente sugli obiettivi delle lezioni, i membri del gruppo si sono fatti da tutor in ogni fase del percorso. All'inizio del corso, alcuni membri della coorte erano forti scrittori; altri erano più esperti dal punto di vista tecnico o avevano migliori capacità di ricerca. Con il tempo, tuttavia, tutti i membri sono stati in grado di migliorare tutte queste abilità; ogni insegnante ha imparato a dare e ricevere supporto in modo non minaccioso.atmosfera.

Come dice Gloria a proposito di questa esperienza: "Per imparare, abbiamo dovuto imparare insieme".

Guarda anche: 8 suggerimenti per una gestione proattiva della classe

Alla base del corso UTEP c'è il presupposto che il mentoring non si limiti a insegnare agli altri come usare la tecnologia, ma che debba anche guidare i membri della classe nella scoperta di nuovi modi per usare la tecnologia nel modo più efficace, e lavorare per risolvere le sfide che incontrano aiutando gli altri insegnanti a usare la tecnologia. Gloria si è esercitata su come essere un mentore attraverso simulazioni e giochi di ruolo. Il corso è stato organizzato in modo che i partecipanti potessero essere in grado di gestire la tecnologia in modo efficace.L'istruttore ha diviso la classe in piccoli gruppi. Metà dei partecipanti ha interpretato il ruolo di mentori e l'altra metà quello di mentee, mettendo in scena situazioni vissute nelle loro scuole. Le discussioni di gruppo hanno seguito queste drammatizzazioni.

Gli alunni di prima elementare della classe di Maria Aguilera creano storie multimediali a partire dalle attività del Laboratorio di scrittura.

Credito: Emerald Jasmine Maese

Diventare un'organizzazione che apprende

Il corso di mentoring offre agli insegnanti un contesto clinico in cui esaminare e condividere le proprie pratiche didattiche con l'istruttore e i membri della coorte. Le relazioni di mentoring sviluppate nel corso aiutano ad abbattere i muri che in passato hanno isolato gli insegnanti, consentendo ai colleghi di diventare membri di una squadra. Riflettendo continuamente sulla propria pratica, i mentori sperimentano la loro stessacrescita professionale all'università e nelle loro scuole, che aiuta ogni scuola a diventare una "organizzazione di apprendimento" in cui i partecipanti si sostengono a vicenda nell'integrazione della tecnologia nei programmi di studio.

Tornata a scuola, Gloria ha fatto dei "piccoli passi" per aiutare altri insegnanti a imparare a usare la tecnologia: "Ho pensato: 'Non c'è modo di fare da mentore ad altri insegnanti, di motivarli o di entusiasmarli: sarebbe troppo lavoro', poi ho capito che se riuscivo a far interessare un insegnante, potevo far interessare altri".

"Così, ho fatto visita all'insegnante di prima elementare Maria Aguilera e ho visto le bellissime storie scritte dai suoi studenti e appese al muro", continua Gloria. "Ho chiesto a Maria se potevo prendere in prestito il lavoro degli studenti e inserire le storie in HyperStudio. Maria e i suoi studenti hanno visto come la tecnologia ha trasformato il loro lavoro, facendolo apparire professionale con l'aggiunta di funzioni audio e grafiche.Con entusiasmo, ha deciso di accettare la sfida e ha lavorato con me per imparare a implementare la tecnologia nella sua classe. Come mentore, ho avuto il mio primo figlioccio".

Scambio di idee

Durante gli incontri iniziali di Gloria nella sua scuola, ha chiesto agli insegnanti quali fossero le aree di utilizzo della tecnologia a cui erano più interessati. Ha poi utilizzato gli scritti dei suoi studenti per evidenziare come gli strumenti tecnologici supportino l'apprendimento. "Gli insegnanti della mia scuola mi dicevano: 'Mi piace quello che stai facendo, ma come faccio a far sì che i miei studenti inizino a usare la tecnologia?' Questo è esattamente il modo in cui il corso di tutoraggio mi ha supportato".ha dimostrato un'idea per rendere la lezione più concreta per i nostri insegnanti, che hanno appreso competenze preziose, come l'uso di uno scanner e la conversione di file con strumenti multimediali".

"Il nostro primo passo come gruppo è stato quello di sviluppare una griglia di cinque punti per la valutazione delle lezioni basate sulla tecnologia", spiega Gloria. "Queste griglie aiutano gli studenti a capire cosa ci si aspetta da loro, definendo il tipo di lavoro che fa guadagnare cinque punti, quattro punti e così via. Per me, le griglie forniscono un mezzo per valutare i progetti degli studenti. Queste griglie sono ora affisse in ogni stanza".

Un mentore aiuta a ridurre l'ansia dei nuovi studenti adattando i compiti di apprendimento al loro livello di competenza. Senza un mentore individuale, molti insegnanti hanno paura di usare la tecnologia nelle loro classi. Leslie Chavez, uno dei mentee di Gloria, spiega: "Avevo tre computer in classe e non sapevo cosa farne. Con l'aiuto di un mentore, sono riuscita a capire cosa è possibile fare".Abbiamo ampliato il nostro Writer's Workshop facendo in modo che gli studenti creino e pubblichino le loro storie utilizzando il computer. Gloria è presente quando si presentano le domande e il contatto quotidiano fa la differenza".

"Avevo paura di usare la tecnologia perché è difficile mostrare agli studenti qualcosa che non conosco", continua Chavez, "ora mi sento a mio agio nel lasciare che gli studenti lavorino sui problemi che possono sorgere con la tecnologia. Temevo che avrebbero imparato in modo sbagliato, ma ora so che non è così. Gli studenti spesso mi aiutano".

Le esperienze di Gloria, Maria e Leslie non sono uniche. I diplomati del programma UTEP riportano le competenze apprese nelle loro classi. Fanno da tutor ai colleghi delle loro scuole e sono maggiormente coinvolti nelle attività di pianificazione tecnologica del campus. Riferiscono che i loro studenti lavorano in modo più cooperativo, imparano di più e sono più disposti a sperimentare cose nuove. Grazie al programma UTEP, i diplomati hanno imparato a lavorare in modo più efficace.Grazie all'uso innovativo del tutoraggio, il programma dell'UTEP sta fornendo agli insegnanti le competenze necessarie per trasformare le loro scuole in istituti di apprendimento del XXI secolo.

Jorge Descamps, Ed. D. è co-direttore dell'El Paso Technology Innovation Challenge Grant del 1995 e professore di educazione presso l'Università del Texas a El Paso.
Un adattamento di questo articolo è pubblicato in Edutopia: Success Stories for Learning in the Digital Age.

Leslie Miller

Leslie Miller è un'educatrice esperta con oltre 15 anni di esperienza di insegnamento professionale nel campo dell'istruzione. Laureata in Pedagogia, ha insegnato nelle scuole elementari e medie. Leslie è una sostenitrice dell'utilizzo di pratiche basate sull'evidenza nell'istruzione e ama ricercare e implementare nuovi metodi di insegnamento. Crede che ogni bambino meriti un'istruzione di qualità ed è appassionata di trovare modi efficaci per aiutare gli studenti ad avere successo. Nel tempo libero, Leslie ama fare escursioni, leggere e trascorrere del tempo con la famiglia e gli animali domestici.