La chiave per una gestione efficace della classe

 La chiave per una gestione efficace della classe

Leslie Miller

È uno spettacolo scoraggiante ma fin troppo comune per molti insegnanti: una classe piena di studenti chiassosi che non riescono a concentrarsi sulla lezione. Le tecniche di gestione della classe possono riportare la situazione in carreggiata, ma il tempo prezioso è già stato perso.

Molti insegnanti esperti sanno che creare legami significativi con gli studenti è uno dei modi più efficaci per prevenire le interruzioni, e un nuovo studio si è proposto di valutare questo approccio. Nelle classi in cui gli insegnanti hanno utilizzato una serie di tecniche incentrate sull'instaurazione, il mantenimento e il ripristino delle relazioni, l'impegno accademico è aumentato del 33% e le interruzioni sono aumentate del 50%.Il comportamento è diminuito del 75%, rendendo più proficuo e produttivo il tempo che gli studenti trascorrono in classe.

"Le relazioni forti tra insegnanti e studenti sono da tempo considerate un aspetto fondamentale di un'esperienza scolastica positiva", spiega Clayton Cook, autore principale dello studio e professore all'Università del Minnesota. Quando queste relazioni vengono danneggiate, il benessere degli studenti può risentirne, con conseguenti problemi accademici e comportamentali.

Nello studio, gli insegnanti hanno utilizzato un approccio chiamato Establish-Maintain-Restore per costruire interazioni positive con gli studenti (in totale 220 in quarta e quinta elementare) e aumentare il loro senso di appartenenza (uno studio successivo con gli insegnanti della scuola media ha utilizzato le stesse strategie, con risultati simili).anno scolastico e i punti in cui una relazione può subire danni, con strategie utili per ogni fase.

Modulo di riflessione sulla relazione pdf 62,35 KB

Poiché può essere facile che alcuni studenti cadano nel dimenticatoio, un modulo di riflessione sulle relazioni, come quello che condividiamo qui, può aiutare gli insegnanti a prendere appunti su ogni singolo studente e a evidenziare quelli che hanno bisogno di maggiore attenzione.

Iniziare con una nota positiva

All'inizio dell'anno scolastico, gli insegnanti dello studio hanno dedicato del tempo alla creazione di relazioni. "L'obiettivo è quello di garantire a tutti gli studenti un senso di appartenenza caratterizzato da fiducia, connessione e comprensione", spiegano Cook e i suoi colleghi. Per gli studenti con problemi di apprendimento o di comportamento, la coltivazione di relazioni positive ha fornito "effetti protettivi" che li hanno aiutati a rimanere in contatto con i propri figli.concentrati sull'apprendimento.

Per stabilire relazioni positive, gli insegnanti possono

Guarda anche: Strategie per migliorare l'insegnamento in piccoli gruppi
  • "Tempo di banca" con gli studenti. Programmate incontri individuali con gli studenti per conoscerli meglio: l'obiettivo è quello di "creare depositi nella relazione" per facilitare i conflitti in futuro, qualora dobbiate dare un feedback costruttivo o affrontare un comportamento dirompente.
  • Incoraggiare le attività guidate dagli studenti. Gli studenti si sentono più coinvolti nel loro apprendimento se hanno l'opportunità di condividere i loro interessi. Gli insegnanti possono farsi da parte, essere di supporto e ascoltare.
  • Accogliere gli studenti in classe. Attività come il saluto positivo alla porta e le domande per rompere il ghiaccio aiutano a creare una cultura di classe calorosa.
  • Utilizzare tecniche di comunicazione positive. Le domande aperte, l'ascolto riflessivo, le dichiarazioni di convalida, le espressioni di entusiasmo o interesse e i complimenti aiutano gli studenti, soprattutto quelli timidi o introversi, a inserirsi nelle discussioni in classe.

Mantenere le relazioni

Senza un'attiva manutenzione, le relazioni si deteriorano nel tempo, sottolineano gli autori dello studio. Gli insegnanti possono concentrarsi troppo sugli aspetti accademici e non abbastanza sul sostegno al benessere emotivo degli studenti, consumando lentamente il tempo accumulato inizialmente con gli studenti.

Gli insegnanti possono mantenere le relazioni continuando a mettere in atto le strategie di cui sopra e, inoltre, possono:

Guarda anche: Che cos'è una dichiarazione di tesi?
  • Prendere nota delle interazioni positive e negative con gli studenti. Gli insegnanti dovrebbero puntare a un rapporto di cinque a uno.
  • Controllare regolarmente gli studenti. In un articolo di Edutopia, Todd Finley spiega come il tempo di valutazione 5x5 lo abbia aiutato a concentrarsi su una manciata di studenti ogni giorno.
  • Riconoscere il buon comportamento. Quando gli insegnanti si concentrano sulla condotta positiva, i comportamenti di disturbo vengono arginati prima che diventino un problema.

Riparare il danno prima che le cose peggiorino

Alla fine, le interazioni negative come le incomprensioni, i conflitti o le critiche possono indebolire il rapporto insegnante-studente. Se queste interazioni negative non vengono affrontate, gli studenti possono sentirsi disimpegnati e meno disposti a partecipare alle attività. Possono anche essere più propensi a comportarsi male, creando ulteriori danni. È quindi importante che gli insegnanti "riconnettano intenzionalmente" con gli studentiper riportare la relazione a uno stato positivo.

Quando le relazioni devono essere riparate, gli insegnanti possono farlo:

  • Lasciare andare e ricominciare da capo. Gli insegnanti dovrebbero evitare di rinfacciare agli studenti gli errori commessi, dando loro invece la possibilità di ricominciare ogni giorno con una tabula rasa.
  • Assumersi la responsabilità delle proprie azioni. Gli insegnanti possono evitare di incolpare gli studenti quando le cose vanno male e pensare: "Cosa avrei potuto fare per evitare il problema?" Non dovrebbero avere paura di scusarsi quando è necessario: farlo aiuta a costruire la fiducia con gli studenti.
  • Mostrare empatia. Ogni storia ha due facce e l'insegnante può riconoscere che gli studenti possono avere una prospettiva diversa sull'accaduto.
  • Concentratevi sulle soluzioni, non sui problemi. Gli insegnanti possono collaborare con gli studenti per trovare una soluzione che tutti ritengano equa.
  • Separare l'azione da chi la compie. È importante criticare il comportamento, non la persona. Se gli insegnanti etichettano i bambini come "studenti problematici", c'è il rischio che interiorizzino questa etichetta, rendendo più probabile la ripetizione del comportamento in futuro.

Il risultato: Una gestione efficace della classe inizia con la creazione di relazioni: quando gli studenti sentono un maggiore senso di appartenenza, è più probabile che si impegnino a livello accademico e dimostrino un comportamento positivo.

Leslie Miller

Leslie Miller è un'educatrice esperta con oltre 15 anni di esperienza di insegnamento professionale nel campo dell'istruzione. Laureata in Pedagogia, ha insegnato nelle scuole elementari e medie. Leslie è una sostenitrice dell'utilizzo di pratiche basate sull'evidenza nell'istruzione e ama ricercare e implementare nuovi metodi di insegnamento. Crede che ogni bambino meriti un'istruzione di qualità ed è appassionata di trovare modi efficaci per aiutare gli studenti ad avere successo. Nel tempo libero, Leslie ama fare escursioni, leggere e trascorrere del tempo con la famiglia e gli animali domestici.