Perché il "20% di tempo" fa bene alle scuole

 Perché il "20% di tempo" fa bene alle scuole

Leslie Miller

Avete mai incontrato un adulto che non ama veramente ciò che fa, ma si limita a svolgere il proprio lavoro e la propria vita quotidiana? Avete parlato con uomini e donne che si lamentano continuamente, senza mostrare alcuna passione per nulla al mondo? Sono sicuro che, come me, avete incontrato queste persone. Ho anche visto la realizzazione di questi adulti nelle scuole del nostro Paese: studenti che sono costantementeessere "preparati" per il prossimo test, valutazione o livello di scuola... per poi scoprire, dopo il diploma, che in realtà non sanno cosa li appassiona. Questi sono gli stessi studenti a cui non viene mai permesso di imparare ciò che vogliono a scuola. Costretti a seguire un percorso curriculare che riteniamo sia "il migliore per loro", scoprono che si tratta di un percorso che offre pochissime possibilità di scelta per quanto riguarda le materie e i contenuti.risultati di apprendimento.

Guarda anche: Perché l'apprendimento sociale ed emotivo è essenziale per gli studenti

Inserire il 20% di tempo.

L'ora del 20% permette agli studenti di scegliere il proprio progetto e i risultati dell'apprendimento, pur rispettando tutti gli standard e le competenze del proprio livello. In effetti, questi studenti spesso vanno "oltre" i loro standard, raggiungendo una maggiore profondità di conoscenza rispetto a quanto la maggior parte dei programmi tende a consentire. L'idea dell'ora del 20% nelle scuole deriva dalla politica del 20% di Google, in cui i dipendenti devonoIl venti per cento del loro tempo viene dedicato al lavoro e all'innovazione su qualcosa di diverso dal progetto in corso. Ha avuto un grande successo nella pratica commerciale e ora possiamo dire che ha avuto un enorme successo nella pratica educativa.

Con il 20% di tempo a disposizione, possiamo risolvere uno dei maggiori problemi della società dando agli studenti uno scopo per l'apprendimento e un canale per le loro passioni e i loro interessi. Se ascoltate Sir Ken Robinson o Daniel Pink, scoprirete che si tratta di un problema che inizia con la scuola. Trascorriamo 14.256 ore a scuola tra l'asilo e il diploma. Se non riusciamo a trovare un momento in cui gli studenti abbiano la possibilità di scegliere tra le loro attività e i loro interessi, non possiamo permetterci di fare un'esperienza di questo tipo.Ci sono molti nel mondo dell'istruzione che si chiedono "perché il 20% di tempo sarebbe un bene per la scuola", quindi ho reso più semplice per ogni stakeholder vedere i benefici.

Studenti

Inizia con gli studenti, che sono la ragione per cui insegniamo e il futuro del nostro mondo. Mia figlia ha quattro anni e presto entrerà nel nostro sistema scolastico pubblico. Voglio che la sua generazione abbia l'opportunità di esplorare, analizzare e creare progetti che abbiano un significato unico per ciascuno di loro. Invece di rispondere a un test a scelta multipla su Il Grande Gatsby Perché mia figlia non può avere l'opportunità di scrivere, collaborare, cantare e produrre una canzone che spieghi in dettaglio i temi principali della storia? Attraverso il 20% di tempo, diamo ai nostri studenti una voce nel loro percorso di apprendimento e permettiamo loro di approfondire argomenti che potremmo sfiorare nel nostro programma.

Insegnanti

Abbiamo un lavoro difficile ma estremamente gratificante. I grandi insegnanti ispirano e fanno la differenza, ma le grandi classi hanno studenti che si ispirano l'un l'altro. Non ho mai ricevuto una risposta migliore dai miei studenti di quando abbiamo fatto il 20% di tempo. La nostra classe si è riunita e ha imparato a conoscere i veri interessi e le passioni di ognuno. Abbiamo superato insieme la paura di fallire. Abbiamo fatto il tifo per gli altri durante le presentazioni,Abbiamo discusso di standard, competenze e obiettivi di apprendimento. L'utilizzo del 20% di tempo mi ha permesso di "insegnare al di sopra del test" e i miei studenti hanno finalmente capito che l'apprendimento non inizia o finisce con la scuola.

Guarda anche: Piani di lezione e risorse per l'integrazione delle arti

Genitori

Ricordate l'invito alla conversazione: "Che cosa hai fatto oggi a scuola?", che porterà a una vera e propria conversazione durante i progetti del 20% di tempo! Proprio la settimana scorsa ho parlato con un genitore (che è anche un'insegnante elementare) dell'esperienza di sua figlia con l'Ora del genio. Mi ha detto: "Ho sempre saputo che a mia figlia piacevano le riviste di design e di moda, ma a quale ragazza non piace? Quando è tornata a casa creando e realizzando i suoi progetti, ha fatto un passo indietro.Sono andata al negozio con lei a scegliere i modelli, l'ho aiutata a cucire e ho realizzato alcuni abiti!" Vogliamo che i nostri figli abbiano successo. A volte lo equipariamo a una "A" in un test. Ma il 20% di tempo rende il successo qualcosa di tangibile, fa emergere le loro passioni nascoste e stimola la conversazione sullo scopo della loro vita.

Amministratori

Quando vedrete un alunno del decimo anno provare a "clonare una pianta carnivora", o un alunno del nono anno imparare il linguaggio dei segni per comunicare con il cugino sordo più piccolo, o un alunno del quarto anno produrre il proprio film, allora saprete perché il 20% è un successo. A volte, come amministratori, possiamo perderci nei numeri (punteggi dei test, tassi di diploma, ecc.), ma il 20% di tempo e i progetti dell'Ora del Genio portanoLa mia preside ha detto che quelle erano le migliori presentazioni che avesse mai visto, non per il contenuto, ma per la convinzione che gli studenti avevano del loro lavoro. In qualità di amministratore, è importante guidare attraverso il sostegno. Lasciate che i vostri studenti e insegnanti vi rendano orgogliosi sostenendo questo tipo di attività basate sull'indagine.esperienze.

Infine, prendetevi un minuto per guardare tutti i grandi progetti che gli studenti hanno realizzato nell'ultimo anno o due durante il 20% di tempo e l'Ora del Genio. La ricerca sostiene l'apprendimento esperienziale e l'educazione generata dagli utenti, ma i progetti mostrano ciò che la ricerca non può mostrare: la passione e lo scopo dei nostri studenti!

Leslie Miller

Leslie Miller è un'educatrice esperta con oltre 15 anni di esperienza di insegnamento professionale nel campo dell'istruzione. Laureata in Pedagogia, ha insegnato nelle scuole elementari e medie. Leslie è una sostenitrice dell'utilizzo di pratiche basate sull'evidenza nell'istruzione e ama ricercare e implementare nuovi metodi di insegnamento. Crede che ogni bambino meriti un'istruzione di qualità ed è appassionata di trovare modi efficaci per aiutare gli studenti ad avere successo. Nel tempo libero, Leslie ama fare escursioni, leggere e trascorrere del tempo con la famiglia e gli animali domestici.