Perché l'età compresa tra i 2 e i 7 anni è così importante per lo sviluppo del cervello

 Perché l'età compresa tra i 2 e i 7 anni è così importante per lo sviluppo del cervello

Leslie Miller

Quando Albert Einstein era bambino, poche persone - se non nessuna - prevedevano il notevole contributo che avrebbe dato alla scienza. Il suo sviluppo linguistico era ritardato, tanto da preoccupare i genitori al punto di consultare un medico. Sua sorella una volta confessò che Einstein "aveva una tale difficoltà con il linguaggio che chi lo circondava temeva che non avrebbe mai imparato". Come ha fatto questo bambino a passare da potenziali ritardi nello sviluppoa diventare, beh, Einstein?

Parte della risposta a questa domanda è simboleggiata da due regali che Einstein ricevette da ciascuno dei suoi genitori all'età di 5 anni. Quando Einstein rimase a letto tutto il giorno a causa di una malattia, suo padre gli regalò una bussola. Per Einstein si trattava di un dispositivo misterioso che accese la sua curiosità per la scienza. Poco dopo, la madre di Einstein, che era una pianista di talento, regalò a Einstein un violino. Questi due donihanno messo alla prova il cervello di Einstein in modo particolare e al momento giusto.

Il cervello dei bambini si sviluppa in periodi critici, il primo dei quali si verifica intorno ai 2 anni e il secondo durante l'adolescenza. All'inizio di questi periodi, il numero di connessioni (sinapsi) tra le cellule cerebrali (neuroni) raddoppia. I bambini di due anni hanno il doppio delle sinapsi rispetto agli adulti. Poiché queste connessioni tra le cellule cerebrali sono il luogo in cui avviene l'apprendimento, il doppio delle sinapsi è il punto di partenza.Le esperienze vissute dai bambini in questa fase hanno quindi effetti duraturi sul loro sviluppo.

Questo primo periodo critico dello sviluppo cerebrale inizia intorno ai 2 anni e si conclude intorno ai 7. Esso rappresenta un'opportunità privilegiata per gettare le basi di un'educazione olistica per i bambini. Quattro modi per massimizzare questo periodo critico includono incoraggiare l'amore per l'apprendimento, concentrarsi sull'ampiezza invece che sulla profondità, prestare attenzione all'intelligenza emotiva e non trattare l'educazione dei bambini piccoli come un'esperienza di vita.solo un precursore del "vero" apprendimento.

Incoraggiare l'amore per l'apprendimento

I bambini devono apprezzare il processo di apprendimento invece di concentrarsi sulle prestazioni. Gli educatori e i genitori possono sottolineare la gioia di provare nuove attività e di imparare qualcosa di nuovo. Dobbiamo aiutare i bambini a capire che gli errori sono una parte gradita e normale dell'apprendimento.

Guarda anche: Il trauma è "scritto nel nostro corpo", ma gli educatori possono aiutarlo

Questo periodo è anche il momento per stabilire una mentalità di crescita, ossia la convinzione che i talenti e le capacità si sviluppino con l'impegno invece di essere innatamente fissi. Gli educatori dovrebbero evitare di etichettare i bambini o di fare affermazioni universali sulle loro capacità. Anche i complimenti come "Sei così intelligente" sono controproducenti. Al contrario, bisogna enfatizzare la perseveranza e creare spazi sicuri per l'apprendimento. I bambiniimparare ad amare l'apprendimento se mostriamo entusiasmo per il processo piuttosto che fissarci sui risultati.

Concentrarsi sull'ampiezza, non sulla profondità

Un modo per evitare di concentrarsi sui risultati in questa fase dello sviluppo è quello di enfatizzare l'ampiezza dello sviluppo delle competenze rispetto alla profondità. Esporre i bambini a un'ampia varietà di attività getta le basi per lo sviluppo di competenze in diversi campi. Questo è il momento di coinvolgere i bambini nella musica, nella lettura, nello sport, nella matematica, nell'arte, nelle scienze e nelle lingue.

Nel suo libro Gamma David Epstein sostiene che l'ampiezza dell'esperienza è spesso trascurata e sottovalutata. Concentrarsi sull'eccellenza in un'unica attività può essere appropriato a un certo punto della vita, ma le persone che prosperano nel nostro mondo in rapida evoluzione sono quelle che prima imparano ad attingere da più campi e a pensare in modo creativo e astratto. In altre parole, la nostra società ha bisogno di individui a tutto tondo.

La completezza è particolarmente importante per i bambini dai 2 ai 7 anni. Il loro cervello in via di sviluppo è pronto ad assorbire un'ampia gamma di competenze. Questo "periodo di campionamento", come lo chiama Epstein, è fondamentale. È la finestra durante la quale sviluppare la gamma dei bambini. C'è molto tempo per specializzarsi in seguito.

Non trascurare l'intelligenza emotiva

Certo, vogliamo che i bambini leggano bene e imparino i fondamenti della matematica, ma non dobbiamo trascurare l'intelligenza emotiva: i vantaggi dell'apprendimento durante questo primo periodo critico dello sviluppo cerebrale dovrebbero estendersi a competenze interpersonali come la gentilezza, l'empatia e il lavoro di squadra.

Daniel Siegel e Tina Payne Bryson spiegano l'importanza di sviluppare l'empatia dei bambini nel loro libro Il bambino dal cervello intero L'empatia inizia con il riconoscimento dei propri sentimenti. Pertanto, suggeriscono di aiutare i bambini di questa fascia d'età a etichettare prima le loro emozioni ("Mi sento triste") e poi a raccontare la storia di ciò che li ha fatti sentire in quel modo ("Mi sento triste perché volevo il gelato e tu mi hai detto di no"). Una volta che i bambini si sono esercitati a etichettare le emozioni, gli educatori possono iniziare a porre domande che li incoraggino a considerare le emozioni degli altri.sentimenti.

Un modo per incoraggiare l'attenzione verso gli altri è quello di coinvolgere i bambini in ciò che gli adulti fanno per gli altri. Anche permettere ai bambini piccoli di aiutare nelle faccende domestiche può renderli più disponibili e premurosi.

Guarda anche: Come i diari matematici aiutano gli studenti a elaborare il loro apprendimento

Non trattare l'istruzione dei bambini piccoli come un mero precursore dell'apprendimento "reale".

Se l'intelligenza è definita come la capacità di apprendere, i bambini di età compresa tra i 2 e i 7 anni potrebbero essere gli esseri umani più intelligenti del pianeta.

Le ricerche suggeriscono che alcune abilità non possono essere apprese altrettanto bene dopo questo primo periodo critico di sviluppo cerebrale. Ad esempio, le ricerche dimostrano che i bambini in questa fascia d'età sono i più adatti ad apprendere i modelli di sviluppo del linguaggio, consentendo loro di padroneggiare una seconda lingua allo stesso livello della lingua madre. Tuttavia, una volta che i bambini raggiungono l'età di 8 anni, la loro capacità di apprendimento del linguaggioLo stesso effetto dell'età si riscontra nell'apprendimento di abilità musicali come l'intonazione perfetta.

È degno di nota il fatto che i genitori di Einstein non lo iscrissero a lezioni di fisica, il campo che lo avrebbe portato al Premio Nobel, ma che il padre lo coinvolse nel suo lavoro di ingegnere. La madre lo iscrisse a lezioni di violino perché voleva che amasse e apprezzasse la musica. Entrambe le attività lavorarono per sviluppare la sua giovane mente in modo olistico. È una tentazione pensare alla prima infanziaMa questi potrebbero essere gli anni più importanti.

Leslie Miller

Leslie Miller è un'educatrice esperta con oltre 15 anni di esperienza di insegnamento professionale nel campo dell'istruzione. Laureata in Pedagogia, ha insegnato nelle scuole elementari e medie. Leslie è una sostenitrice dell'utilizzo di pratiche basate sull'evidenza nell'istruzione e ama ricercare e implementare nuovi metodi di insegnamento. Crede che ogni bambino meriti un'istruzione di qualità ed è appassionata di trovare modi efficaci per aiutare gli studenti ad avere successo. Nel tempo libero, Leslie ama fare escursioni, leggere e trascorrere del tempo con la famiglia e gli animali domestici.