Un quadro di problemi matematici che favorisce il pensiero concettuale

 Un quadro di problemi matematici che favorisce il pensiero concettuale

Leslie Miller

I problemi con le parole in matematica sono uno strumento potente per aiutare gli studenti a dare un senso e a ragionare sui concetti matematici. Molti studenti, tuttavia, hanno difficoltà con i problemi con le parole a causa delle diverse richieste cognitive. In qualità di specialisti dello sviluppo professionale STEAM a livello distrettuale, abbiamo dedicato molto tempo a sostenere i nostri colleghi e gli studenti per garantire il loro successo con i problemi con le parole.ha scoperto che la selezione dei giusti problemi con le parole, così come l'attenzione alla comprensione concettuale piuttosto che alle conoscenze procedurali, forniscono ai nostri studenti una crescita reale.

Con l'evolversi del nostro pensiero, abbiamo iniziato a instillare una routine che supporta l'insegnamento agli studenti a risolvere con grinta, mettendoli al posto di guida del pensiero. Qui di seguito troverete la routine che abbiamo trovato vincente nell'aiutare gli studenti a superare le sfide della risoluzione dei problemi con le parole.

Non tutti i problemi di parole sono uguali

Prima di qualsiasi istruzione, consideriamo sempre la qualità del compito per l'insegnamento e l'apprendimento. Nel nostro processo, utilizziamo i problemi di parole come percorso per l'istruzione matematica. Quando selezioniamo i compiti matematici per gli studenti, consideriamo sempre le seguenti domande:

  • Il compito è in linea con gli obiettivi e gli standard di apprendimento?
  • Il compito impegnerà e sfiderà gli studenti a un livello adeguato, fornendo sia un senso di realizzazione che ulteriori opportunità di crescita?
  • Il compito è aperto o chiuso? I compiti aperti offrono molteplici percorsi per favorire una comprensione più profonda dei concetti e delle abilità matematiche. I compiti chiusi possono comunque fornire una comprensione profonda dei concetti e delle abilità matematiche se il compito richiede un alto livello di richiesta cognitiva.
  • Il compito incoraggia il pensiero critico e la capacità di risolvere i problemi?
  • Il compito permetterà agli studenti di vedere la rilevanza della matematica nelle situazioni del mondo reale?
  • Il compito promuove la creatività e incoraggia gli studenti a fare collegamenti tra i concetti matematici e altre aree della loro vita?

Se possiamo rispondere affermativamente al maggior numero possibile di queste domande, possiamo essere certi che i nostri compiti sono ricchi. Ci sono ulteriori approfondimenti per i compiti di matematica ricchi su NRICH ed esempi di compiti su Illustrative Mathematics e K-5 Math Teaching Resources.

Sviluppare la comprensione concettuale

Una volta selezionati i compiti matematici più ricchi, lo sviluppo della comprensione concettuale diventa il nostro obiettivo didattico. Presentiamo agli studenti i Problemi di parole senza numero e contemporaneamente utilizziamo un quadro di problemi di parole per concentrarci sull'analisi del testo e per costruire la comprensione concettuale, piuttosto che la semplice memorizzazione di formule e procedure.

  • Per prima cosa rimuoviamo tutti i numeri e facciamo leggere il problema agli studenti, che si concentrano su chi o cosa riguarda il problema; visualizzano e collegano lo scenario alla loro vita e alle loro esperienze.
  • Poi chiediamo agli studenti di riscrivere la domanda come un'affermazione per assicurarsi che abbiano capito la domanda.
  • Poi facciamo rileggere agli studenti il problema e li invitiamo a pensare in modo analitico, ponendosi queste domande: ci sono parti? C'è un tutto? Le cose si uniscono o si separano? C'è un confronto?
  • Una volta completato, riveliamo i numeri del problema e facciamo rileggere agli studenti il problema per determinare se hanno abbastanza informazioni per sviluppare un modello e tradurlo in un'equazione che possa essere risolta.
  • Dopo aver risolto l'equazione, gli studenti la confrontano con il loro modello per verificare la risposta.

La collaborazione e lo spazio di lavoro sono fondamentali per costruire il pensiero

Per costruire il pensiero necessario in classe, facciamo lavorare gli studenti in gruppi collaborativi visibilmente casuali (gruppi casuali di tre per i gradi da 3 a 12, gruppi casuali di due per i gradi 1 e 2). Con i gruppi casuali, abbiamo scoperto che gli studenti non entrano nei loro gruppi con ruoli predeterminati e tutti gli studenti contribuiscono al pensiero.

Per gli studenti riluttanti, ci assicuriamo che questi studenti fungano da scriba all'interno del gruppo, documentando il contributo di ciascun membro. Ci assicuriamo anche di utilizzare spazi di lavoro verticali non permanenti (lavagne bianche, finestre [usando pennarelli a secco], carta da disegno grande con supporto adesivo, ecc. Lo spazio di lavoro verticale fornisce accessibilità ai nostri studenti diversi e promuove la risoluzione dei problemi perché i nostri studentiGli spazi di lavoro verticali offrono inoltre agli studenti un modo visivamente attraente e organizzato per mostrare il loro lavoro. Abbiamo visto come questi spazi di lavoro aiutino a mantenere la loro attenzione e a concentrarsi meglio sul compito da svolgere.

Facilitare e fornire feedback per far progredire il pensiero

Mentre gli studenti sono alle prese con il compito, l'insegnante si muove tra i gruppi collaborativi, facilita le conversazioni e fornisce agli studenti un feedback. Gli studenti sono incoraggiati a guardare il lavoro degli altri gruppi o a fornire una seconda strategia o un modello a sostegno del loro pensiero. Gli studenti si appropriano e danno un senso al problema, tentano soluzioni e cercano di sostenere il loro pensiero con modelli,Lavorano al problema in modo collaborativo, giustificando il loro lavoro nel piccolo gruppo. In sostanza, costruiscono la loro conoscenza e si preparano a condividere il loro lavoro con il resto della classe.

Guarda anche: Suggerimenti per l'insegnamento della Dichiarazione di Indipendenza

I problemi di parole sono un potente strumento per l'insegnamento dei concetti matematici agli studenti. Offrono un approccio pratico e relazionale alla risoluzione dei problemi, consentendo agli studenti di comprendere la rilevanza della matematica nelle situazioni della vita reale. Attraverso i problemi di parole, gli studenti imparano ad applicare i principi matematici e il ragionamento logico per risolvere problemi complessi.

Inoltre, i problemi con le parole migliorano il pensiero critico, le capacità analitiche e le abilità decisionali. L'inserimento dei problemi con le parole nelle lezioni di matematica è un modo efficace per rendere la matematica coinvolgente, significativa e applicabile alla vita quotidiana.

Guarda anche: La ricreazione per gli studenti delle scuole superiori

Leslie Miller

Leslie Miller è un'educatrice esperta con oltre 15 anni di esperienza di insegnamento professionale nel campo dell'istruzione. Laureata in Pedagogia, ha insegnato nelle scuole elementari e medie. Leslie è una sostenitrice dell'utilizzo di pratiche basate sull'evidenza nell'istruzione e ama ricercare e implementare nuovi metodi di insegnamento. Crede che ogni bambino meriti un'istruzione di qualità ed è appassionata di trovare modi efficaci per aiutare gli studenti ad avere successo. Nel tempo libero, Leslie ama fare escursioni, leggere e trascorrere del tempo con la famiglia e gli animali domestici.