Utilizzo delle strategie di pensiero visivo in classe

 Utilizzo delle strategie di pensiero visivo in classe

Leslie Miller

La mia collega Peggy Marconi, insegnante di scuola elementare da più di 30 anni nelle comunità rurali dell'Oregon, ha un amore e una passione per la scrittura. Peggy ama in particolare la scrittura argomentativa perché insegna agli studenti il pensiero basato sull'evidenza: gli studenti dichiarano la loro affermazione, forniscono prove a sostegno di tale affermazione, e quindiIn altre parole, la scrittura argomentativa chiede agli studenti di pensare in modo critico, utilizzando le prove. Tuttavia, i suoi studenti continuavano a fare fatica a sviluppare queste abilità di scrittura e lei cercava una strategia efficace per guidarli.

Molti insegnanti sanno anche che convincere gli studenti a impegnarsi nell'arte, a disegnare o anche solo a guardare l'arte è più facile che convincerli a scrivere. Peggy ha visto che i suoi studenti amavano l'arte e, quando è venuta a conoscenza di una strategia didattica insegnata nei musei, ha deciso di combinare l'interesse dei suoi studenti per l'arte con la necessità di imparare a pensare e a scrivere sulla base di prove di efficacia. Ha collaborato con i ricercatori delL'Università dell'Oregon, come me, e gli educatori del museo locale hanno dato vita al Progetto STELLAR, che combina le arti visive e la scrittura utilizzando le Strategie di Pensiero Visivo nelle classi da 4 a 8 anni.

Guarda anche: Costruire un forte vocabolario matematico usando queste semplici strategie

Phillip Yenawine del Museo d'Arte Moderna e Abigail Housen della Columbia University hanno sviluppato le Visual Thinking Strategies (VTS) per gli insegnanti che visitano il museo con le loro classi. Da quando è stata creata nel 1991, gli insegnanti di tutto il Paese, compreso l'Oregon rurale, hanno potuto constatare il potere di questa strategia di elevare il discorso degli studenti, il pensiero critico e l'argomentazione basata su prove.

Panoramica della sessione VTS

L'insegnante sceglie un'opera d'arte o una fotografia appropriata e chiede agli studenti di osservarla per qualche istante prima di iniziare la discussione. Dopo che gli studenti hanno esaminato in silenzio l'opera d'arte, l'insegnante chiede: "Che cosa succede in questo quadro?" L'insegnante chiama uno studente. Mentre lo studente risponde, l'insegnante indica le eventuali caratteristiche dell'immagine,che lo studente menziona.

L'insegnante pone poi allo studente la seconda domanda: "Cosa vedi che ti fa dire questo?" Anche in questo caso, l'insegnante indica le prove nell'immagine mentre lo studente parla e poi parafrasa.

Guarda anche: Permettere di ripetere il test senza essere ingannati

La terza e ultima domanda accoglie le risposte degli altri studenti: "Cos'altro possiamo trovare?" Quando un altro studente risponde, l'insegnante continua a ripetere la seconda e la terza domanda, collegando le risposte degli altri studenti. È importante notare che non ci sono risposte giuste o sbagliate.

Suggerimenti per l'utilizzo di questa strategia in classe

Scegliete immagini con cui i vostri studenti possano entrare in contatto: Come strategia a sé stante, la VTS è stata utilizzata in tutti i livelli scolastici, dalla scuola materna agli specializzandi in medicina. Il Progetto STELLAR incorpora la scrittura, quindi la nostra attenzione si concentra sulle classi dalla quarta all'ottava. Indipendentemente dall'età degli studenti, una buona lezione di VTS inizia con la selezione di un'immagine adeguata allo sviluppo. La selezione dell'immagine può anche essere collegata all'insegnamento di un'area di contenuto, come la storia o le scienze.La selezione delle immagini può anche evidenziare positivamente le diverse culture della comunità locale.

Includere studenti con esigenze diverse: In una sessione VTS non ci sono risposte giuste o sbagliate. Gli studenti possono avere paura di rispondere se hanno difficoltà o se non parlano l'inglese come prima lingua; non devono preoccuparsi se la loro risposta sarà accettata. Tutte le risposte degli studenti sono accettabili. Anche uno studente non vedente o con disabilità visiva può partecipare ascoltando gli studenti vedenti e basandosi sulle loro risposte.Mantenere le tre domande semplici, in modo che le parti visive del cervello possano concentrarsi sull'immagine.

Integrare la scrittura argomentativa: Per mantenere l'atmosfera coinvolgente, chiedete agli studenti di scrivere ciò che hanno detto o sentito durante la sessione. Potete mostrare le tre domande VTS come guida. Chiedete agli studenti di scrivere innanzitutto ciò che pensano stia accadendo nell'immagine. Chiedete di dimostrare perché lo pensano e poi concludete con un'affermazione riassuntiva su ciò che sta accadendo nell'immagine. Alcuni studenti possono cambiare la loro descrizione in base a ciò che hanno detto.Alla fine, ci accorgiamo che gli studenti non vedono l'ora di partecipare alla prossima sessione VTS.

Per saperne di più sul VTS e sul Progetto STELLAR, ecco alcune risorse utili:

  • Permesso di stupirsi: il sito web del creatore di Strategie di pensiero visivo.
  • Jordan Schnitzer Museum of Art: gli insegnanti possono richiedere un account gratuito per accedere alla collezione permanente online.
  • Che cosa succede in questa immagine? New York Times pubblica ogni giorno un'immagine che gli insegnanti delle scuole K-12 possono utilizzare in classe.
  • Progetto STELLAR: controllate qui per aggiornamenti e risorse gratuite.

Leslie Miller

Leslie Miller è un'educatrice esperta con oltre 15 anni di esperienza di insegnamento professionale nel campo dell'istruzione. Laureata in Pedagogia, ha insegnato nelle scuole elementari e medie. Leslie è una sostenitrice dell'utilizzo di pratiche basate sull'evidenza nell'istruzione e ama ricercare e implementare nuovi metodi di insegnamento. Crede che ogni bambino meriti un'istruzione di qualità ed è appassionata di trovare modi efficaci per aiutare gli studenti ad avere successo. Nel tempo libero, Leslie ama fare escursioni, leggere e trascorrere del tempo con la famiglia e gli animali domestici.