Visite a domicilio 101

 Visite a domicilio 101

Leslie Miller

Spesso gli insegnanti si chiedono perché i loro sforzi per organizzare le opportunità di coinvolgimento dei genitori nelle attività della classe non vadano a buon fine. Inviano promemoria scritti ai loro studenti, fanno telefonate, inviano e-mail e messaggi. Quando i loro ripetuti tentativi di comunicare con i genitori rimangono senza risposta, molti insegnanti si scoraggiano e iniziano a formulare ipotesi negative.sul coinvolgimento dei genitori.

Le visite a domicilio possono stabilire un contatto e una comunicazione positivi con le famiglie. Non sostituiscono i colloqui con i genitori, ma sono un processo attraverso il quale gli insegnanti dimostrano il loro sostegno alle famiglie degli studenti visitando l'ambiente domestico o un luogo alternativo in cui la famiglia si sente a casa e a proprio agio. Le visite a domicilio dovrebbero nascere da un sincero desiderio di assistere eLe visite a domicilio promuovono interazioni proattive attraverso le quali gli insegnanti forniscono un sostegno autentico riconoscendo i punti di forza delle famiglie.

Per gli insegnanti interessati a condurre le visite a domicilio, ecco alcune indicazioni per ottenere l'autorizzazione.

Fate le vostre ricerche

Gli insegnanti possono essere reticenti a implementare le visite domiciliari a causa dell'impegno di tempo e dello sforzo che comportano. Ci sono molte testimonianze di insegnanti e famiglie che raccontano di visite domiciliari di successo, ma senza il supporto sistemico della scuola e del distretto, la capacità di un insegnante di ritagliarsi del tempo durante la giornata scolastica per condurre le visite domiciliari è limitata.

Guarda anche: Sfruttare al meglio le pareti dell'aula

Per coloro che sono determinati, è importante essere ben informati sui benefici e sui vantaggi, nonché sulle sfide delle visite a domicilio. Una volta che gli insegnanti si impegnano a effettuare le visite a domicilio, possono prendere provvedimenti per ricercare, pianificare, attuare e documentare il processo.

Conoscere le famiglie

Una considerazione è quella di conoscere le famiglie degli studenti, le loro comunità e i loro quartieri, le lingue e/o le differenze culturali e gli orari di lavoro. Essere culturalmente sensibili quando si effettuano le visite a domicilio comunica rispetto e dimostra un interesse genuino per il ricco patrimonio delle famiglie.

Indagare su come altri hanno condotto le visite a domicilio è importante se si vuole creare un processo che sia fattibile, realistico e vantaggioso per gli studenti e le loro famiglie.

Pianificare in modo strategico

Gli insegnanti che effettuano regolarmente visite a domicilio consigliano di stabilire un contatto con i genitori prima dell'inizio dell'anno scolastico. Alcuni modelli di visite a domicilio sottolineano i vantaggi di una collaborazione tra gli insegnanti, che si recano insieme a casa degli studenti e si presentano ai genitori durante l'estate. La prima visita dovrebbe concentrarsi sulla costruzione di un rapporto, sull'estensione del sostegno e sull'ascolto attivo delle preoccupazioni dei genitori.Per trasparenza e sicurezza, il programma delle visite domiciliari (compresi luogo, ora e data) deve essere fornito al personale scolastico.

Essere flessibili

Non sempre i genitori si sentono a proprio agio ad incontrarsi a casa. Luoghi alternativi come una biblioteca locale, un caffè tranquillo o persino un fast-food possono essere luoghi appropriati per le visite incentrate sulla famiglia. Essere flessibili può anche significare incontrarsi nei fine settimana, prima dell'inizio della scuola o alla fine della giornata scolastica. Le visite a domicilio pianificate in anticipo consentono agli insegnanti di accoppiarsi strategicamente per coordinarevisite quando hanno studenti che sono fratelli o che vivono nello stesso quartiere.

Concentrarsi sui punti di forza

Un insegnante che entra in casa con un atteggiamento non giudicante vede la casa con gli occhi della famiglia che la abita e ne individua i punti di forza. Un approccio culturalmente sensibile e un linguaggio appropriato e improntato all'equità trasmettono fiducia e rispetto. E se l'insegnante ha delle preoccupazioni sullo studente, può usare la tecnica del feedback a sandwich per esprimere le preoccupazioni tra i punti di forza e i punti di forza.elogi concreti e genuini.

Creare un piano d'azione

Ascoltare attivamente le intuizioni, le preoccupazioni e le idee dei genitori per il proprio figlio dimostra un interesse e un rispetto autentici. Durante la prima visita a domicilio, gli insegnanti non dovrebbero prendere appunti, poiché l'atto di raccogliere informazioni potrebbe suscitare diffidenza o sospetto nei genitori. Piuttosto, l'insegnante può chiedere ai genitori se hanno domande e prendere appunti mentali, per poi, in un secondo momento, creare un promemoria vocale o scrivereappunti di ciò che è stato discusso.

Prima delle successive visite a domicilio, gli insegnanti possono informare i genitori che prenderanno appunti sulle preoccupazioni o sulle idee emerse durante la discussione. Questi appunti possono basarsi su altri incontri incentrati sulla scuola e fornire un piano d'azione su cui gli insegnanti e i genitori possono basarsi.

Rapporto di ritorno

Un modo per rimanere responsabili nei confronti delle famiglie degli studenti è quello di mantenere, rivedere e aggiornare il piano d'azione generato congiuntamente dall'insegnante e dalla famiglia. Scoprire dai genitori quale sia il metodo di corrispondenza più efficace e poi verificare regolarmente con loro gli obiettivi stabiliti di comune accordo per il bambino fornisce sia agli insegnanti che ai genitori una piattaforma aperta e continua attraverso la qualecomunicare e interagire.

Guarda anche: In che modo le rubriche sono utili?

Le visite a domicilio sono un ottimo inizio per una comunicazione e una relazione positiva tra gli insegnanti e le famiglie degli studenti. Stabilire una solida base attraverso le visite a domicilio è solo un primo passo: coltivare queste relazioni attraverso una comunicazione costante è fondamentale per mantenerle.

Leslie Miller

Leslie Miller è un'educatrice esperta con oltre 15 anni di esperienza di insegnamento professionale nel campo dell'istruzione. Laureata in Pedagogia, ha insegnato nelle scuole elementari e medie. Leslie è una sostenitrice dell'utilizzo di pratiche basate sull'evidenza nell'istruzione e ama ricercare e implementare nuovi metodi di insegnamento. Crede che ogni bambino meriti un'istruzione di qualità ed è appassionata di trovare modi efficaci per aiutare gli studenti ad avere successo. Nel tempo libero, Leslie ama fare escursioni, leggere e trascorrere del tempo con la famiglia e gli animali domestici.